campo estivo Pime

Basta mettersi in gioco…

L’estate può essere il momento buono per dare una nuova sfumatura alla propria vita.

Due ragazze di Villaluce si sono messe in gioco scegliendo di aderire a due proposte del Pime. La prima esperienza scelta da Carla e Francesca è il Campo di Incontro – Lavoro a Busto Arsizio all’insegna dell’accoglienza e del lavoro di squadra, caratterizzata da mattine ricche di attività formative, di condivisione e giochi educativi. E il pomeriggio…olio di gomito! tra sgomberi e traslochi in cui è stato radunato tutto l’usato che sono riusciti a trovare, per poi rivenderlo nel loro mercatino devolvendo i proventi a sostegno delle missioni del Pime. Le giovani si sono coinvolte nelle attività con tutte le persone presenti, sia coetanei che non, in modo partecipato e molto socievole. Si sono rese disponibili sia per curare i bambini piccoli che per aiutare le persone più anziane. Durante i momenti laboratoriali e di riflessione si sono confrontate con i coetanei e con gli adulti presenti lasciandosi consolare nei momenti più difficili, come ad esempio quando hanno riflettuto sulla tematica della “casa”. Il campo infatti è stato chiamato Rincasare dove la casa non è una questione di mattoni ma di amore. Argomento molto delicato per le ragazze, che si sono dovute confrontare sul tema del “costruire, relazionarsi, abitare, accogliere…”. Nonostante la difficoltà non si sono sottratte alla condivisione. Ci sono state anche occasioni più ludiche in cui hanno mostrato tutta la loro simpatia ed energia, in particolare durante i vari momenti dedicati al ballo.

Francesca ha chiesto di partecipare a una ulteriore esperienza, chiamata dall’Associazione “A Gonfie Vele”: WOW – Week Of the World, ovvero Settimana di Mondialità. Si tratta di una settimana di convivenza organizzata con giovani di età compresa tra i 15 e 19 anni provenienti da numerosi paesi del mondo (..Israele, Macedonia, Brasile, Egitto, Giappone, Uganda, Polonia, Algeria..). Tale proposta ha previsto incontri e dialoghi in un tempo di confronto con ragazze e ragazzi provenienti da tutto il mondo. Il gruppo di giovani, guidato da educatori, è stato stimolato a confrontarsi sul tema: “L’uno per l’atro” attraverso attività di laboratorio di matrice educativa, formativa, ludica e testimonianze e uscite sul territorio. Questa è stata per i ragazzi un’importante occasione di crescita, una opportunità per ricercare la bellezza e la ricchezza dell’incontro con l’altro. Le attività proposte, ispirate all’intreccio narrativo del Piccolo Principe di Antoine De Saint-Exupery, hanno aiutato i giovani ad approfondire alcuni temi fondanti l’umano, trasversali a tutte le latitudini come testimoniato dalla presenza straniera di buona parte dei partecipanti. Tra i più significativi, il valore del prendersi cura, il tempo come elemento fondante delle relazioni, la libertà come dono più grande, saper vedere con il cuore l’essenziale.

Entrambe le ragazze hanno espresso il desiderio di continuare a frequentare le proposte del Pime, perché oltre ad essersi sentite accolte e arricchite, si sono anche divertite.

Posted in NEWS and tagged , , , , , , , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.